Sondrio , 03 luglio 2018   |  

Carabinieri sgominata la banda della Brianza

Nelle province di Monza e Brianza, Lecco, Como, Bergamo sgominata dai Carabinieri banda dedita ai furti di mezzi pesanti e materie prime. Eseguite undici misure cautelari

Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno eseguito, nelle province di Monza e Brianza, Bergamo, Como, Lecco, Lodi e Piacenza, un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Monza nei confronti di 11 italiani (di cui 8 in carcere e 3 agli arresti domiciliari), dai 24 ai 68 anni d’età, ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati e riciclaggio.

L’indagine, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Vimercate (MB), coordinati dalla Procura della Repubblica di Monza, è stata avviata nel 2016 a seguito della commissione di furti di mezzi pesanti. L’inchiesta ha consentito di documentare l’esistenza di un sodalizio criminale strutturato, dedito ai furti di trattori stradali e di targhe di autoarticolati, nonché di gasolio, merci e mezzi operativi, polimeri, attrezzature da lavoro, materiali da imballaggio, escavatori, muletti e transpallet custoditi nelle aziende già vittime della sottrazione degli automezzi.

In particolare, i sodali agivano con compiti ben prestabiliti, alcuni alla guida di veicoli con funzioni di palo o staffetta, altri come autisti dei mezzi rubati o di quelli utilizzati per portare a termine i furti.

Nel corso dell’attività è stato individuato un capannone di Bellusco (Mb), nella disponibilità del gruppo indagato, utilizzato per occultare i mezzi e la merce provento dei colpi messi a segno. E’ stata inoltre documentata la gestione centralizzata dei ricavi, in parte destinati anche al sostentamento dei componenti del sodalizio in caso di arresto.

Nel corso dell’attività investigativa sono stati accertati 8 episodi di furto ed altrettanti tentativi. Complessivamente è stato documentato il furto di 2 trattori stradali, 2 semirimorchi, 1 autocarro, 1 escavatore, 3 muletti, 3 transpallet e circa 600 litri di gasolio, oltre a merce varia, per un valore complessivo di circa 1 milione di euro.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter