Sondrio , 13 febbraio 2018   |  

Sondrio: ricorda Sertoli Salis con un concorso letterario

Giunto alla 12a edizione il concorso letterario biennale promosso dal "Lions Club Sondrio Host" per ricordare la figura di uno dei soci del club, uomo di cultura scomparso a Sondrio nel 1992

firma mail CRSS 2018

Renzo Sertoli Salis,  uomo di cultura scompare a Sondrio nel 1992. Lions Club Sondrio Host per ricordarne la figura promuove la XII edizione di un concorso letterario biennale. Membro di varie accademie di scienze e lettere, presidente della Società Storica Valtellinese, era stato per decenni la figura di riferimento della cultura provinciale.

Il concorso intitolato al suo nome ha contribuito a realizzare un rapporto ricorrente e di qualità fra il mondo della poesia e la provincia di Sondrio, in particolare attraverso gli incontri dei vincitori e dei membri della giuria con gli studenti, tenuti in occasione delle premiazioni.

Decisivo per l’iniziativa è il sostegno delle Fondazioni Pro Valtellina e Gruppo Credito Valtellinese che, con il Lions Club, assicurano il finanziamento e del Comune di Sondrio che offre alla premiazione, che si terrà il 23 Novembre  nell’ambito di Sondrio Festival, il supporto organizzativo, della prestigiosa sede del Teatro Sociale e la relativa visibilità mediatica.

La Giuria è confermata nelle persone di Ernesto Ferrero, che la presiede, di Cristina Pedrana e dei poeti Antonio Ricciardi e Giuseppe Conte. Segretario Bruno Ciapponi Landi.

Tre i premi a concorso: il premio “Renzo Sertoli Salis alla carriera” di € 3.000,00 offerto dalla Fondazione Pro Valtellina, il Premio Grytzko Mascioni di € 2.500,00 “per la migliore opera di poesia”, offerto dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese e il premio Camillo De Piaz anch’esso di € 2.500,00 per un’opera di critica letteraria dedicata alla poesia, offerto dal Lions Club Sondrio Host.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Maggio 1992 a Palermo si celebrano i funerali di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, vittime della Strage di Capaci

Social

newFB newTwitter