Trezzano sul Naviglio (Mi), 14 luglio 2017   |  

Trezzano sul Naviglio: spacciano nei campi di periferia

I Carabinieri arrestano due pusher

carabinieri milano

Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Corsico (Mi) hanno tratto in arresto due 28enni marocchini, entrambi irregolari e già noti alla Giustizia, ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli arresti giungono a coronamento di una meticolosa attività di indagine partita dalle segnalazioni di alcuni residenti che lamentavano un continuo via vai di veicoli che si fermavano nei pressi del Parco del Centenario dove venivano rapidamente avvicinati da due stranieri. Gli uomini dell’Arma, che già nel febbraio scorso avevano smantellato una rete di spacciatori che si serviva dei campi tra Cusago (Mi) e Cisliano (Mi) quale base operativa per lo smercio di droga, hanno quindi posto in essere una serie di accertamenti, effettuando controlli in maniera discreta e scoprendo che i due stranieri occultavano lo stupefacente tra la vegetazione, prelevando di volta il quantitativo richiesto telefonicamente dai singoli acquirenti. I pusher erano attivi tutti i giorni, dalla tarda mattinata sino al tramonto, e rifornivano un giro di clienti che arrivava anche alle 30 unità al giorno. In una occasione i militari hanno documentato anche un caso di baratto, con la consegna di un orologio in cambio di droga.

Al momento dell’arresto, eseguito in flagranza di reato, i due sono stati trovati in possesso di alcuni grammi di cocaina, eroina e hashish, mentre, nella loro abitazione di via Fra Cristoforo a Milano, i Carabinieri hanno rinvenuto oltre 20mila euro in contanti, provento dell’attività di spaccio, occultati negli armadi e in un comodino della camera da letto.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Novembre 1963 omicidio del presidente degli Stati Uniti, John F. Kennedy. Il presunto assassino Lee Harvey Oswald viene ucciso a colpi di pistola da Jack Ruby, a Dallas, in diretta televisiva poche ore dopo l'arresto.

Social

newFB newTwitter