Chiuro, 01 febbraio 2018   |  

Voci italo-svizzere al Rezia Cantat

Proseguono i preparativi per Rezia Cantat, il festival della coralità italo-svizzero in programma dall'8 al 10 Giugno, tra Chiavenna e Piuro, in provincia di Sondrio.

Manifesto Rezia Cantat

Il Festival della coralità italo-svizzera si svolgerà tra Chiavenna e Chiuro dall' 8 al 10 Giugno. Nel frattempo fervono i preparativi, ma è già pronto  il manifesto ufficiale dell'evento che porterà nella valle della Mera oltre quattromila voci provenienti da Italia e Svizzera e metterà in scena settanta ore di concerti in alcuni degli angoli più suggestivi delle due località. Attesi diecimila visitatori tra partecipanti, accompagnatori, appassionati di canto corale e turisti: da tempo i posti letto disponibili nei giorni del festival sono esauriti in Valchiavenna e non solo. Lo scopo che si prefigge la festa è di diffondere il canto corale e mantenere viva una tradizione che caratterizza l'identità locale, non mancheranno le esibizioni di grandi cori nazionali e internazionali che potranno essere ascoltati anche in piazze, strade e dimore storiche: SAT, Sunshine Gospel Choir, Coro Vôs de Mont, Coro Giovanile Italiano, Svizzero e dei Grigioni. 

Già disponibili inoltre le prime date di alcuni di questi concerti:  Coro UT Insieme Vocale-Consonante: 9 giugno ore 16 chiesa dei Cappuccini Chiavenna, 10 giugno ore 10:30 convento Agostiniane;  Coro Giovanile Italiano: 9 giugno ore 21:15 chiesa San Fedele Chiavenna, 10 giugno ore 12:15 chiesa San Fedele Chiavenna;  Coro della SAT: 9 giugno ore 21:30 chiesa San Lorenzo Chiavenna, 10 giugno ore 11 palazzo Vertemate Franchi Piuro;  Coro Vôs de Mont: 8 giugno ore 21 chiesa Santa Maria Chiavenna, 9 giugno ore 11 palazzo Vertemate Franchi Piuro.

Inoltre i complessi si esibiranno nel concerto di saluto di Rezia Cantat, previsto domenica 10 Giugno alle ore 16.30 presso le splendide Cascate dell'Acqua Fraggia di Piuro, la “Pompei delle Alpi”.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newFB newTwitter